itenfrde

Passeggiando nel Centro storico di Napoli

Lunedì, 25 Novembre 2019 11:19
(1 Vota)

Nel XVI secolo fu costruito un altro dei tesori artistici partenopei, la Chiesa del Gesù nuovo.

L’eleganza della pietra piperno, crea un connubio magnifico con lo stile

barocco della chiesa del Gesù Nuovo di Napoli.

I maestri artefici delle sue opere sono Francesco Solimena, Luca Giordano e Cosimo Fanzago.

Nella chiesa troviamo la tomba Di Giuseppe Moscati, il medico santo di Napoli.

La Chiesa sorge in Piazza del Gesù, punto di ritrovo degli studenti, caratterizzata dalla presenza della Guglia dell’Immacolata, realizzata a metà 1700.

L’8 Dicembre, giorno dell’Immacolata concezione, i pompieri arrivano fino in cima per lasciare una corona di fiori ai piedi della madonna.

Continuiamo la passeggiata verso Piazza San Domenico Maggiore, attraversando il fulcro del centro storico di Napoli,là dove si erge la Chiesa di San Domenico Maggiore, commissionata da Carlo I d’Angiò, questa, era la chiesa degli Angioini.

Gli affreschi di Pietro Cavallini, nella Cappella del Brancaccio, sono degni di nota, e tra i pochi sopravvissuti ai molteplici rifacimenti, insieme alla Sacrestia, con il suo splendido soffitto, affrescato da Francesco Solimena.

La leggenda racconta che il crocifisso tra la Vergine e San Giovanni abbia rivolto a San Tommaso d’Aquino le seguenti parole: “bene scripsisti de me, Thoma, quam recipies a me pro tuo laboreMercedem?”

E che il santo rispose “Domine, non alias misi te”.

Curiosità: In questa cappella di Napoli è  sepolto il primo vescovo cattolico di New York, Richard Luke Concanen.

125 Ultima modifica il Lunedì, 25 Novembre 2019 11:27